EN

Infertilità: fattori di rischio e strategie protettive – Parte 2

Infertilità: fattori di rischio e strategie protettive – Parte 2

19/01/2017

Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Nella prima parte di questa intervista abbiamo esaminato i principali fattori femminili dell’infertilità di coppia: invecchiamento ovarico, fumo, malattie sessualmente trasmesse, sovrappeso. Oggi passiamo in rassegna le cause riconducibili all’uomo e alla sua salute. Il messaggio chiave è che anche i maschi dovrebbero fare periodicamente una visita di controllo e adottare stili di vita sani: solo così la fertilità può essere protetta nel tempo. La frustrazione conseguente alla sterilità può infatti mettere alla corda anche le coppie più affiatate, causando crisi irreversibili.
Nella seconda parte di questa intervista, la professoressa Graziottin illustra:
- come la scomparsa della tradizionale visita di leva abbia compromesso la possibilità di diagnosticare precocemente, e a livello di massa, la presenza di molti disturbi andrologici, primo fra tutti il varicocele;
- che cos’è il varicocele e perché danneggia la fertilità maschile;
- come, in particolare, il ristagno di sangue che lo caratterizza determini un aumento della temperatura testicolare, con gravi danni agli spermatozoi (riduzione della motilità, alterazioni della forma, minore qualità complessiva);
- l’importanza di una visita andrologica di controllo fra i 16 e i 18 anni;
- l’auspicio che tale visita venga presto istituzionalizzata anche nel nostro Paese;
- altri due acerrimi nemici della salute degli spermatozoi: fumo e malattie sessualmente trasmesse;
- la conseguente necessità di usare sempre il profilattico, in ogni tipo di rapporto.

Per gentile concessione di Radio Gamma Cinque

Parole chiave:
Andrologia / Visita andrologica Clamidia Fertilità e infertilità Fumo / Danni del fumo Malattie sessualmente trasmesse Stili di vita Varicocele

Iscriviti alla newsletter