Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
20/10/2016

Fertility Day: i contenuti da trasmettere – Parte 3


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Andrea Lupoli
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Fertility Day: i contenuti da trasmettere – Parte 3

Scarica l'intervista:
Fertility Day: i contenuti da trasmettere – Parte 3
(5.657 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Nelle precedenti puntate abbiamo esaminato i contenuti e le lacune della campagna informativa sulla vulnerabilità della fertilità umana, lanciata dal Ministero della Salute in occasione del “Fertility Day”. Oggi completiamo l’analisi, con particolare attenzione alla salute riproduttiva maschile e all’importanza di solide politiche di prevenzione e supporto sociosanitario.
Nella terza e ultima parte di questa intervista, la professoressa Graziottin illustra:
- come la salute riproduttiva maschile sia stata molto trascurata in questi ultimi decenni, a fronte di una crescente sensibilità verso il mondo femminile;
- perché la cultura della prevenzione deve inquadrare la fertilità in un più ampio progetto di salute personale;
- l’importanza di istituire una visita andrologica gratuita per tutti i ragazzi fra i 16 e i 18 anni, allo scopo di valutarne la salute e fornire tutte le informazioni necessarie per la tutela della fertilità;
- l’esempio positivo delle politiche sociosanitarie olandesi;
- la necessità di rivedere anche l’attuale normativa sulle adozioni.

Per gentile concessione di Radio Cusano Campus

top


Audio e video stream correlati:
Fertility Day: i contenuti da trasmettere – Parte 2
Fertility Day: i contenuti da trasmettere – Parte 1

Parole chiave:
Comunicazione - Fertilità e infertilità - Politica


© 2016 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.