Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
14/04/2016

Contraccezione ormonale: protegge e fa bene, fino ai 50 anni di età


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Andrea Lupoli

Intervista rilasciata l’8 marzo 2016, in occasione della Festa della Donna
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Contraccezione ormonale: protegge e fa bene, fino ai 50 anni di età

Scarica l'intervista:
Contraccezione ormonale: protegge e fa bene, fino ai 50 anni di età
(9.657 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

La contraccezione ormonale ha giocato e gioca tuttora un ruolo molto importante nel processo di emancipazione della donna, nella gestione della sua femminilità e nella protezione della sua salute: eppure sono ancora numerosi i pregiudizi che la circondano, soprattutto in Italia. E’ quindi importante che i medici siano correttamente informati sui vantaggi che procura, in modo da poter orientare correttamente le loro pazienti.
In questa intervista, la professoressa Graziottin illustra:
- la protezione garantita dalla contraccezione ormonale sul fronte oncologico: a dieci anni, riduzione dell’80% del rischio di cancro dell’ovaio (il più aggressivo e fatale); a cinque anni, riduzione del 50% del rischio di cancro dell’endometrio; effetto neutro sulla mammella;
- le vere ragioni per cui, nelle donne che assumono la pillola, il cancro del collo dell’utero risulta in aumento;
- come la contraccezione ormonale, soprattutto se in continua, consenta anche di eliminare il dolore mestruale e di frenare la progressione dell’endometriosi, con tutti i rischi a lungo termine che questa patologia comporta (infertilità, dolore cronico, menopausa precoce);
- quale pillola scegliere quando si soffra di secchezza oculare da lenti a contatto;
- come le varici non siano una controindicazione né un effetto della pillola, e vadano piuttosto combattute con il movimento fisico e il mantenimento del peso forma;
- la pillola giusta per le donne fra i 40 e i 50 anni, e tutti i suoi benefici sulla salute ginecologica e generale;
- quali vantaggi si hanno, in particolare, adottando la somministrazione in continua e scegliendo la formulazione a basso dosaggio con estradiolo e dienogest.

Per gentile concessione di Radio Cusano Campus

top


Audio e video stream correlati:
Pillola naturale 26+2, la migliore per attenuare i disturbi mestruali
Pillola all'estradiolo e cellulite: sfatiamo un pregiudizio

Parole chiave:
Cancro al seno - Cancro del collo dell'utero - Cancro dell'endometrio - Cancro dell'ovaio - Contraccezione ormonale - Dolore mestruale / Dismenorrea - Endometriosi - Papillomavirus - Pillola all'estradiolo e dienogest - Pillola contraccettiva - Pillola contraccettiva continuativa - Profilattico - Secchezza oculare / Occhi secchi - Varici / Vene varicose


© 2016 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.