Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
segnala
28/10/2007

Anoressia, un nemico da non sottovalutare


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Angela Pederiva
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Anoressia, un nemico da non sottovalutare

Scarica l'intervista:
Anoressia, un nemico da non sottovalutare
(2.908 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

I disturbi del comportamento alimentare (anoressia e bulimia) rappresentano in Italia un fenomeno allarmante: studi recenti indicano che il 30% delle donne è a dieta “autogestita”, il 20% ha un disturbo sub-clinico, cioè non grave ma già capace di determinare ripercussioni importanti sulla salute, il 2% soffre di bulimia e l’1% di anoressia. Questi disturbi colpiscono soprattutto le adolescenti e le giovani, e molto meno frequentemente gli uomini (il rapporto è di circa 10 a 1). Le cure esistono e sono efficaci. Tuttavia, poiché lo squilibrio alimentare, alla lunga, può provocare danni irreversibili, è indispensabile agire con tempestività sia sul piano psicologico che su quello organico. In questa intervista analizziamo:
- le differenze fra anoressia e bulimia: la persona anoressica ha il terrore di essere grassa, si percepisce sovrappeso anche quando non lo è affatto, ed è quindi mossa da un desiderio inesorabile di dimagrire. Questo si traduce in una dieta ossessiva, accompagnata spesso da esercizio fisico compulsivo e, a volte, abuso di lassativi o vomito autoindotto. La persona bulimica tende invece ad abbuffarsi, non per appetito ma per scaricare compulsivamente un’angoscia che non riesce ad affrontare sul piano psicologico. La polarizzazione fra i due disturbi non è fissa e una ragazza anoressica può anche attraversare periodi di bulimia: si parla a questo proposito di “psicoplasticità” del disturbo alimentare;
- le cause principali dell’anoressia: una vulnerabilità genetica alla depressione e all’obesità; una personalità perfezionista, ossessiva e ansiosa, spinta a perseguire a qualsiasi costo traguardi percepiti come di eccellenza; i modelli culturali dominanti, secondo i quali la donna bella deve essere per forza magrissima;
- i danni dell’anoressia sulla salute: la forte perdita di peso provoca dapprima un’alterazione del ciclo ovulatorio e poi il blocco completo delle mestruazioni, perché l’organismo – fortemente debilitato – non è più in grado di affrontare una gravidanza; a sua volta, il blocco dell’ovulazione interrompe la produzione di estrogeni e progesterone, con ripercussioni particolarmente gravi per le ossa e il cervello. Se poi il blocco mestruale dura più di sei mesi, i danni alle cellule nervose sono irreversibili;
- come curare l’anoressia: la psicoterapia e i farmaci antidepressivi sono utilissimi, ma bisogna anche ridare al corpo gli ormoni che l’ovaio non produce più, finché persiste l’amenorrea. Questo obiettivo viene raggiunto somministrando ormoni “bioidentici” (estradiolo e progesterone naturale), ossia perfettamente uguali a quelli perduti;
- le attenzioni da porre in atto in famiglia, soprattutto verso le figlie, per evitare l’insorgere della malattia: educarle sin dall’infanzia a un rapporto sano con il cibo, evitando che questo diventi – per esempio –  un surrogato dell’affetto; incoraggiare a un’alimentazione appropriata e un movimento fisico regolare, ma non ossessivo; coltivare il dialogo, affinché le bambine di oggi diventino domani adolescenti equilibrate, che stiano bene con se stesse con i genitori, con gli amici, e non cerchino gratificazioni sostitutive in modelli ideali persecutori, e quindi molto pericolosi.

top


Audio e video stream correlati:
Dieta vegetariana: come evitare gli eccessi dannosi alla salute
Disturbi del comportamento alimentare e contraccezione – Parte 1

Parole chiave:
Anoressia - Bulimia nervosa

segnala

© 2007 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.