Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
04/10/2018

Androgeni: il loro ruolo nel benessere della donna – Parte 2


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano
Androgeni: il loro ruolo nel benessere della donna – Parte 2

Sintesi del video e punti chiave

Il corpo della donna ha bisogno del testosterone e del DHEA, ma sfortunatamente li perde più degli uomini. In positivo, con una terapia ormonale sostitutiva ben calibrata e su misura, si possono recuperare tutti i benefici di questi due importantissimi ormoni. Purché, naturalmente, ai farmaci si aggiungano corretti stili di vita.
Nella seconda e ultima parte di questo video la professoressa Graziottin illustra:
- quali sono le situazioni menopausali in cui si somministra il testosterone;
- perché il testosterone va assunto anche in caso di malattie infiammatorie e autoimmuni;
- in che modo si somministra il DHEA, e a che dosi;
- che cosa accade nel corpo della donna quando i livelli di DHEA tornano ai giusti livelli;
- i benefici del testosterone locale per l’apparato urogenitale e il pavimento pelvico;
- perché la terapia ormonale va sempre abbinata a sani stili di vita, e in particolare al movimento fisico regolare.

Per gentile concessione di Endoceutics ©

top


Audio e video stream correlati:
Androgeni: il loro ruolo nel benessere della donna – Parte 1
Androgeni e salute della donna – Parte 3
Androgeni e salute della donna – Parte 2
Androgeni e salute della donna – Parte 1
Androgeni: anche questi ormoni sono indispensabili per la salute della donna

Parole chiave:
Apparato genitale femminile - DHEA (deidroepiandrosterone) / DHEA-S (deidroepiandrosterone solfato) - Infiammazione - Malattie autoimmuni - Menopausa precoce iatrogena - Menopausa precoce spontanea - Salute femminile - Sessualità femminile - Stili di vita - Testosterone


© 2018 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.