Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
22/12/2008

Morbo di Alzheimer: effetti protettivi del gene Seladin-1 (Selective Alzheimer's Disease Indicator-1) - Sintesi commentata


Gambini D. Graziottin A.
Morbo di Alzheimer: effetti protettivi del gene Seladin-1 (Selective Alzheimer's Disease Indicator-1) - Sintesi commentata
"Science News" - Segnalazioni e commenti on line su articoli scientifici di particolare interesse

Gli estrogeni sono protettivi per il sistema nervoso centrale? Possono prevenire le malattie neurodegenerative o, perlomeno, ritardarne la comparsa e la velocità di progressione, riducendo il dolore di vivere nelle persone affette e nei loro familiari?
Crescenti evidenze scientifiche documentano la stretta correlazione tra sistema nervoso e sistema endocrino nel corso della vita umana, a partire dal periodo embrionale; gli ormoni infatti esercitano un ruolo fondamentale nello sviluppo neuronale, oltre a contribuire al mantenimento dell’omeostasi cerebrale fino all’età senile.
Recentemente, da parte del gruppo di ricercatori coordinati da Alessandro Peri, del Dipartimento di Fisiopatologia Clinica dell’Università di Firenze, è stato individuato il gene Seladin-1 (Selective Alzheimer’s Disease Indicator-1) come mediatore degli effetti neuroprotettivi degli estrogeni.

Sul sito della Fondazione Alessandra Graziottin:
Alzheimer, il senso oltre l'inferno

top

Allegati disponibili:
Full text dell'articolo


© 2008 - Prof. Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.