Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
27/10/2019

Menopausa: il testosterone migliora la funzione sessuale


Graziottin A.
Menopausa: il testosterone migliora la funzione sessuale
"Science News" - Segnalazioni e commenti on line su articoli scientifici di particolare interesse

Commento a:
Islam RM, Bell RJ, Green S, Page MJ, Davis SR.
Safety and efficacy of testosterone for women: a systematic review and meta-analysis of randomised controlled trial data
Lancet Diabetes Endocrinol. 2019 Oct;7(10):754-766. doi: 10.1016/S2213-8587(19)30189-5. Epub 2019 Jul 25

Valutare i benefici del testosterone per le donne in menopausa: è questo l’obiettivo della review condotta da Rakibul M. Islam e collaboratori, del Women’s Health Research Program presso la Monash University di Melbourne, Australia, sotto l’egida dell’Australian National Health and Medical Research Council.
Lo studio è stato condotto su MedLine, Embase, Cochrane Central Register of Controlled Trials e Web of Science. Sono stati selezionati:
- i trial randomizzati controllati in doppio cieco svolti, per almeno 12 settimane, fra il 1° gennaio 1990 e il 10 dicembre 2018;
- le domande di brevetto presentate alla European Medicine Agency e alla US Food and Drug Administration.
In particolare, sono stati investigati gli effetti del testosterone sulla funzione sessuale, sul metabolismo, sulle funzioni cognitive e sull’apparato muscolo-scheletrico.
Sono stati analizzati 46 report di 36 trial, per un totale di 8480 partecipanti. La meta-analisi dei dati ha dimostrato che, rispetto al placebo o ad altri farmaci, il testosterone migliora significativamente la funzione sessuale, e in particolare:
- la frequenza di rapporti soddisfacenti (differenza media 0.85, 95% CI 0.52 - 1.18);
- il desiderio (differenza media standardizzata 0.36, 95% CI 0.22 - 0.50);
- il piacere (differenza media 6.86, 95% CI 5.19 - 8.52);
- l’eccitazione (differenza media standardizzata 0.28, 95% CI 0.21 - 0.35);
- l’orgasmo (differenza media standardizzata 0.25, 95% CI 0.18 - 0.32);
- la risposta fisica (differenza media standardizzata 0.28, 95% CI 0.21 - 0.35);
- l’immagine di sé (differenza media 5.64, 95% CI 4.03 - 7.26)
Il testosterone, inoltre, riduce:
- l’ansia (differenza media 8.99, 95% CI 6.90 - 11.08);
- il distress (differenza media standardizzata -0.27, 95% CI -0.36 - -0.17).
La somministrazione orale del testosterone tende a determinare un aumento significativo del colesterolo LDL e una riduzione del colesterolo totale, del colesterolo HDL e dei trigliceridi: effetti che non si registrano con la somministrazione transdermica o in crema. La terapia, inoltre, tende a determinare aumento del peso, acne e ipertricosi.
Non emergono invece effetti particolari a livello di apparato muscoloscheletrico e di funzioni cognitive, anche se il numero di donne che hanno permesso di raccogliere dati per questi outcome è limitato.

top


© 2019 - Prof. Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.