Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
20/05/2013

La candida recidivante può scatenare una vestibolite vulvare/vulvodinìa? - Commento


Graziottin A.
La candida recidivante può scatenare una vestibolite vulvare/vulvodinìa? - Commento
GynecoNews - Aggiornamenti dalla letteratura scientifica, Prodotto derivato di "Menopausa e Contraccezione. Interazioni con il pianeta donna", SMM Scientific Multimedia, Milano, 1, 2012, pag. 22-23

Commento a:
Farmer MA, Taylor AM, Bailey AL, Tuttle AH, MacIntyre LC, Milagrosa ZE, Crissman HP, Bennett GJ, Ribeiro-da-Silva A, Binik YM, Mogil JS (2011)
Repeated vulvovaginal fungal infections cause persistent pain in a mouse model of vulvodynia
Sci Transl Med 3(101):101ra91

Il lavoro mostra con chiara evidenza sperimentale come la vulvovaginite da Candida possa contribuire alla sviluppo della vestibolite vulvare/vulvodinia in almeno una parte dei soggetti che ne sono affetti.
L’associazione tra VVS e Candida sottolinea ancor più l’importanza di un’accuratissima prevenzione della recidività delle infezioni da Candida, per evitare non solo un’infezione frustrante in sé, ma anche lo sviluppo di una sindrome dolorosa e invalidante, ad andamento cronico, qual è la iperalgesia vulvare, spontanea o provocata, che alimenta la vulvodinia.

top

Allegati disponibili:
Leggi l'articolo su "La candida recidivante può scatenare una vestibolite vulvare/vulvodinìa? - Commento"


© 2013 - Prof. Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.