Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
31/07/2007

L'impatto clinico pratico del Women's Health Initiative: correttezza politica vs correttezza biologica - Sintesi commentata


Graziottin A.
L'impatto clinico pratico del Women's Health Initiative: correttezza politica vs correttezza biologica - Sintesi commentata
GynecoNews - Sezione di "Menopausa e contraccezione: interazioni con il pianeta donna", SMM Scientific Multimedia, Milano, 1, 2003, pag. 2-5

C’è un razionale biologico per la prescrizione della terapia ormonale?
Questo si chiedono John Stevenson e Malcolm Whitehead (BMJ, 325: 113-4, 2002) e da questa domanda parte la riflessione di Morris Notelovitz (The clinical practice impact of the Women’s Health Initiative: political vs biological correctness - Guest editorial, Maturitas 2003, 44: 3-9).
In particolare, che cosa differenzia le poche donne che hanno effetti collaterali negativi con la terapia ormonale? E quali fattori proteggono le molte donne, la vasta maggioranza, che non ha alcun evento avverso?
Altrettanto importante: che cosa caratterizza le donne che con la terapia ormonale stanno molto meglio che non senza?

top

Allegati disponibili:
Full text dell'articolo


© 2007 - Prof. Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.