Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
14/12/2014

L'adolescente, la sua sessualità e il rischio di infezioni sessualmente trasmesse


Graziottin A.
L'adolescente, la sua sessualità e il rischio di infezioni sessualmente trasmesse
Atti del XXVI Congresso Nazionale della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) su "Seminare Salute", Verona, 27-29 novembre 2014, in Pediatria Preventiva e Sociale, Supplemento al n. 4, anno IX, 2014, pag. 69-74

L’adolescenza rappresenta un periodo fondamentale per la maturazione dell’identità sessuale, della funzione sessuale e per la sperimentazione dei primi rapporti di coppia, prima in senso fantasmatico e poi nella realtà. Per l’adolescente, rappresenta il primo periodo della vita in cui può fare scelte in autonomia e autodeterminazione.
Nello specifico, il medico dell’adolescente è chiamato a intervenire sui due grandi fronti di emergenza: la contraccezione e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse. Partendo da queste domande, può poi intervenire su altri aspetti della ginecologia dell’adolescenza, ponendosi come ideale compagno di viaggio di un percorso di salute che può durare tutta la vita.

top

Allegati disponibili:
Leggi il full text dell'articolo su "L'adolescente, la sua sessualità e il rischio di infezioni sessualmente trasmesse"


© 2014 - Prof. Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.