EN

Fisiopatologia e semeiotica del dolore vulvare

05/10/2014

Fisiopatologia e semeiotica della vulvodinia
Atti del corso ECM su "La patologia vulvare: attualità e problematiche", Milano, 19 settembre 2014 (DVD)
La vulvodinia indica un dolore vulvare che può colpire circa il 16% della popolazione femminile. La consulenza per il dolore richiede l’ascolto della paziente, del suo linguaggio verbale e non verbale, il rispetto della verità della sua sofferenza: mettendosi nella pelle della donna, la si capirà molto di più. Ancor più nel dolore intimo, vulvare e sessuale. Richiede una semeiotica estremamente accurata, attenta al linguaggio non verbale e ai segni che il corpo rivela.
L’esito della consulenza e della terapia, anche sessuologica, dipenderà dalla qualità della semeiotica e dalla capacità di creare una relazione significativa con la paziente dal punto di vista umano ed emotivo, oltre che, com’è evidente, dalla competenza medica specifica.

Allegati disponibili:Leggi il full text della lettura su "Fisiopatologia e semeiotica del dolore vulvare"

Iscriviti alla newsletter