Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
08/06/2009

Contraccezione per le adolescenti


Graziottin A.
Contraccezione per le adolescenti
Atti del XXI Congresso Nazionale della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) su "La prevenzione: da atto medico a risorsa per la collettività", Siena, 30 maggio-1 giugno 2009, Pediatria preventiva e sociale, Suppl. 1-2009, p. 66-67

Le adolescenti italiane presentano un crescente profilo di rischio nei confronti sia dei concepimenti indesiderati, sia delle malattie sessualmente trasmesse. A fronte di eccellenti opportunità nella scelta contraccettiva esistono latitanze educative e nell’assunzione di responsabilità nei confronti della propria sessualità, che si traducono in un ricorso crescente all’uso della contraccezione di emergenza e in un aumento dell’aborto volontario nelle giovani italiane al di sotto dei vent’anni e nelle immigrate tra i 20 e i 30 anni.
La relazione presenterà le caratteristiche dei diversi tipi di contraccettivi ormonali oggi disponibili: pillole contraccettive, cerotti contraccettivi e anelli vaginali; dispositivi intrauterini al levonorgestrel; contraccezione d’emergenza; pillola abortiva (RU486), oltre che il profilattico, valutandone le indicazioni elettive nelle adolescenti.
Verrà anche discusso l’importante aspetto di “terapia contraccettiva”.

top

Allegati disponibili:
Full text dell'articolo


© 2009 - Prof. Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.