Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
11/12/2016

Cistiti e candidosi ricorrenti: ruolo dei biofilm


Graziottin A.
Cistiti e candidosi ricorrenti: ruolo dei biofilm
Atti del meeting su "Cistite, un progetto di salute", Firenze, 18 marzo 2016, Medicina Multidisciplinare, Anno 11, Supplemento n° 1 al n° 4, 2016, p. 17-22

Il linguaggio medico relativo alla cura delle infezioni si esprime spesso con termini bellici che rimandano a concetti e strategie terapeutiche non sempre di successo. Ne sono un esempio i termini più frequentemente utilizzati per descrivere lo scopo dell’antibiotico terapia: «eradicare i germi», «eliminarli» «sconfiggere o debellare l’infezione». Ma l’antibiotico terapia, purtroppo, conduce spesso allo sviluppo di fenomeni di resistenza.
Come insegnano i saggi, restando in ambito militare, la vittoria si può ottenere conoscendo bene il terreno su cui avviene la battaglia e le condizioni ambientali. Con questo approccio le nuove prospettive terapeutiche di prevenzione delle forme di cistite ricorrente e delle candidosi includono non a caso prodotti che agiscono sia a livello vaginale che a livello vescicale e, più recentemente, sia a livello intestinale che a livello vescicale.

top

Allegati disponibili:
Full text dell'articolo


© 2016 - Prof. Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.