Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
12/01/2012

Metodo Kegel: che cos'è, a che cosa serve


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Metodo Kegel: che cos'è, a che cosa serve

Sintesi del video e punti chiave

Molte donne, dopo il parto, perdono tono nei muscoli del pavimento pelvico, che chiudono in basso il bacino. Questo può comportare conseguenze anche serie sul fronte della qualità di vita e della sessualità. Il rimedio è costituito dagli esercizi di Kegel, sviluppati negli anni Cinquanta dal ginecologo statunitense Arnold Kegel.
Quali sono le possibili complicanze di un pavimento pelvico ipotonico? Quali obiettivi si prefiggono gli esercizi di Kegel? Come vanno svolti?
In questa “Love FAQ” in collaborazione con Deejay TV, la professoressa Graziottin illustra:
- chi era il dottor Kegel;
- le funzioni del pavimento pelvico che, dopo il parto, possono essere compromesse da un tono muscolare insufficiente: continenza urinaria e fecale; capacità orgasmica;
- l’obiettivo degli esercizi di Kegel;
- il diverso approccio degli ospedali francesi e italiani a questa forma di riabilitazione;
- perché gli esercizi prevedono fasi di lavoro muscolare e fasi di riposo;
- come calcolare la lunghezza delle pause;
- che cosa può accadere se non si rispetta questa regola.

Per gentile concessione di Deejay TV

top

Parole chiave:
Esercizi di Kegel


© 2011 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.