Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
03/11/2016

Menopausa e caduta del desiderio: la terapia vincente


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Menopausa e caduta del desiderio: la terapia vincente

Scarica l'intervista:
Menopausa e caduta del desiderio: la terapia vincente
(9.428 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

«Da quando è in menopausa, mia moglie non ha più desiderio e l’intimità fra noi è completamente scomparsa. Che cosa posso fare per aiutarla?»: è quanto chiede, preoccupato, un amico ascoltatore. Perché la menopausa può avere effetti così devastanti sulla sessualità della donna e della coppia? E quali sono le possibili soluzioni?
In questa intervista la professoressa Graziottin illustra:
- come con la menopausa si interrompa la produzione ovarica non solo di ovociti, ma anche di estrogeni e testosterone;
- gli effetti di questi ormoni su funzione sessuale, attrattiva, umore;
- che cosa accade se la caduta dei livelli ormonali non viene curata;
- come una terapia ormonale sostitutiva su misura consenta di ripristinare le basi fisiche ed emotive della sessualità, restituendo il piacere di fare l’amore;
- il rischio basale di cancro della mammella e il modestissimo incremento di rischio dovuto alla terapia ormonale;
- gli stili di vita amici della salute e dell’intimità: movimento fisico regolare, alimentazione equilibrata, rispetto del sonno.

Per gentile concessione di Radio 105

top

Parole chiave:
Cancro al seno - Disturbi del desiderio - Disturbo da desiderio sessuale ipoattivo - Estrogeni, estradiolo, estriolo - Menopausa / Sintomi menopausali - Rapporto di coppia - Terapia ormonale sostitutiva - Testosterone


© 2016 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.