Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
segnala
04/02/2007

Il vaginismo: che cos'è, come si cura


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Angela Pederiva
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Il vaginismo: che cos'è, come si cura

Scarica l'intervista:
Il vaginismo: che cos'è, come si cura
(2.663 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Il vaginismo è un disturbo sessuale caratterizzato da paura e angoscia della penetrazione, associate a fobia variabile del rapporto e a una contrazione muscolare riflessa, e quindi involontaria, dei muscoli che circondano la vagina. Nei casi meno gravi il rapporto sessuale è doloroso ma ancora possibile, mentre in quelli più severi la penetrazione diviene impossibile.
In questa intervista approfondiamo:
- i sintomi che caratterizzano il vaginismo e, di conseguenza, i differenti livelli di gravità del disturbo e della prognosi;
- le cause che lo determinano, sul fronte biologico e psicosessuale;
- la terapia più efficace, che integra la dimensione farmacologica (per ridurre la fobia) con quella comportamentale (per rilassare e imparare a controllare la muscolatura);
- le eventuali disfunzioni sessuali del partner (ejaculazione precoce, deficit erettivo, disturbo del desiderio), da trattare in parallelo.
Vedremo infine come il vaginismo sia oggi una patologia perfettamente guaribile, e come la coppia possa recuperare in breve tempo un’eccellente intimità, spesso coronata da una gravidanza serena e conclusa in modo naturale anche grazie al perfetto controllo emotivo e muscolare acquisito dalla donna durante la terapia.

top


Audio e video stream correlati:
Dolore ai rapporti e vestibolite vulvare: guarire si può
Vaginismo: cause biologiche e approccio diagnostico

Parole chiave:
Dolore ai rapporti / Dispareunia - Vaginismo

segnala

© 2007 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.