Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
segnala
21/11/2013

Dopo lo stupro: le conseguenze a cui non si pensa


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Dopo lo stupro: le conseguenze a cui non si pensa

Scarica l'intervista:
Dopo lo stupro: le conseguenze a cui non si pensa
(3.980 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

L’emergenza rappresentata dalle violenze quotidiane a carico delle donne non accenna a diminuire nel nostro Paese. E se si pensa che solo il 4-7 per cento delle donne stuprate denuncia l’abuso ci si rende conto di quanto immensa sia la sofferenza sommersa determinata da questo fenomeno. Eppure le gravissime conseguenze che lo stupro comporta a breve e lungo termine sono spesso trascurate.
Che cosa rischia la donna violentata sul piano della salute, fisica ed emotiva, e delle relazioni? Che cosa accade quando non riesce ad andare oltre la tragedia?
In questa intervista per la trasmissione “La quota rosa” di Radio 24, la professoressa Graziottin illustra:
- i principali rischi sul piano fisico: gravidanze indesiderate, malattie sessualmente trasmesse, tumori, sterilità;
- le possibili conseguenze dal punto di vista emotivo: depressione, senso di solitudine, rischio di suicidio;
- perché negli incubi notturni la donna rivive lo stupro con drammatico realismo;
- come l’abuso ferisca anche la capacità di abbandono, determinando disturbi sessuali e avversione all’intimità;
- cosa può accadere nel rapporto di coppia, dopo l’iniziale solidarietà del partner;
- come la stigmatizzazione sociale sia un ulteriore oltraggio dopo il dramma della violenza;
- perché i media sono corresponsabili nella diffusione dell’idea di donna oggetto;
- l’unico modo possibile che la donna ha di affermarsi nella vita senza derogare alla propria dignità.

Per gentile concessione di Radio 24

top

Parole chiave:
Abuso, molestie, stalking, violenza sessuale e domestica - Autorealizzazione - Malattie sessualmente trasmesse - Rapporto di coppia - Riflessioni di vita

segnala

© 2013 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.