Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
18/04/2013

Disturbi del comportamento alimentare e contraccezione – Parte 2


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Disturbi del comportamento alimentare e contraccezione – Parte 2

Sintesi del video e punti chiave

La bulimia è un disturbo del comportamento alimentare sempre più diffuso. Caratterizzata da un appetito compulsivo, nasce da un’angoscia emotiva che non si riesce ad affrontare sul piano psicologico e che viene quindi scaricata sul rapporto con il cibo. La donna tende poi a controllare l’aumento di peso con l’abuso di lassativi e il vomito autoindotto, che alla lunga possono provocare gravi danni alla salute. Anche in questi casi, l’efficacia della contraccezione orale può essere compromessa, ed è consigliabile rivolgersi a forme di assunzione alternative.
Da quali eventi può essere scatenata la bulimia? Quali sono le conseguenze del vomito ripetuto e dei lassativi? Quali problemi relazionali risultano spesso associati a questo disturbo? Che tipo di contraccettivo è meglio usare?
In questo video la professoressa Graziottin illustra:
- come il disagio esistenziale che scatena la bulimia possa originare da problemi relazionali, ma anche da abusi affettivi e sessuali;
- i danni che il vomito e soprattutto l’abuso di lassativi, anche “naturali”, producono sulla bocca e sull’apparato gastrointestinale;
- come questi danni possano determinare un’alterazione dell’assorbimento delle sostanze nutritive e un’iperattivazione dei mastociti, con maggiore vulnerabilità al dolore, alle cistiti e alla dispareunia;
- perché, a volte, la donna bulimica tende ad essere sessualmente più promiscua, e ad abusare di alcol e droghe;
- i rischi che derivano da questi comportamenti, se in parallelo non si usano il profilattico e un contraccettivo ormonale;
- perché il malassorbimento intestinale aumenta il rischio di spotting e riduce l’efficacia contraccettiva della pillola;
- come il contraccettivo più indicato per la donna bulimica sia il cerotto transdermico;
- perché normalmente è meglio non usare l’anello vaginale;
- che cosa sono le abbuffate notturne (“night eating syndrome”) e quale tipo di disagio rivelano.

top


Audio e video stream correlati:
Efficacia contraccettiva: da cosa dipende?
Disturbi del comportamento alimentare e contraccezione – Parte 1

Parole chiave:
Bulimia nervosa - Bulimia sessuale - Cerotto contraccettivo


© 2013 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.