Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
05/07/2018

Acido alfa lipoico: efficace contro il dolore neuropatico


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Video realizzato in occasione del VulvaForum2018 su “Patologia vulvare infettiva, infiammatoria, neoplastica. Dolore pelvico e vulvodinia. Specialisti insieme per l'eccellenza in diagnosi e terapia della patologia vulvare”, organizzato con il patrocinio della Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Napoli 18-19 maggio 2018
Acido alfa lipoico: efficace contro il dolore neuropatico

Sintesi del video e punti chiave

Per poter essere utilizzata nel contesto di una terapia medica, una sostanza naturale deve produrre benefici confermati da ottime evidenze scientifiche: è il caso dell’acido alfa lipoico, efficace nella cura del dolore neuropatico e del dolore vulvare.
In questo video la professoressa Graziottin illustra:
- la differenza fra dolore nocicettivo, segnale amico di un danno in corso, e dolore neuropatico, malattia cronica in sé;
- perché lo stress peggiore il dolore neuropatico;
- in che modo l’acido alfa lipoico agisce sui meccanismi del dolore, attenuandone la componente neuropatica, soprattutto nella neuropatia diabetica e da chemioterapia;
- come queste caratteristiche abbiano spinto i ricercatori a estenderne l’utilizzo alla cura del dolore vulvare cronico;
- in che modo si somministra, e per quale periodo minimo;
- perché nelle prime settimane può essere opportuno associare l’acido alfa lipoico a un altro antidolorifico.

Realizzazione tecnica di Medicina e Informazione WebTv

top

Parole chiave:
Acido alfa lipoico (ALA) - Dolore / Dolore cronico - Dolore nocicettivo / neuropatico - Dolore vulvare / Vulvodinia - Infiammazione - Mastociti


© 2018 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.