Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
18/10/2015

Tossina botulinica in ginecologia: vaginismo e comorbilità associate


Graziottin A. Bertolasi L.
Tossina botulinica in ginecologia: vaginismo e comorbilità associate
in: Porta M. Bentivoglio A. Cassetta E. (a cura di), La dose fa la differenza. Il moderno impiego della tossina botulinica tra rimedio e veleno, Carocci, Roma, 2014, p. 180-197

Il vaginismo e la dispareunia rappresentano un frequente motivo di consultazione medica e sessuologica. La fisiopatologia del vaginismo non è stata ancora perfettamente compresa, né sono risolte le controversie sulla sua natura nosograficamente “autonoma” rispetto alla dispareunia.
Le evidenze neurofisiologiche depongono tuttavia per un'identità a se stante, che può necessitare di uno specifico trattamento farmacologico con la tossina botulinica nei casi che non rispondono al trattamento standard psicosessuale, farmacologico e di riabilitazione fisioterapica del pavimento pelvico.
Dal punto di vista clinico, invece, la diagnosi di vaginismo è facile purché il medico abbia chiari alcuni semplici elementi anamnestici e semeiologici.

top


Allegati disponibili:
Leggi il full text del capitolo su "Tossina botulinica in ginecologia: vaginismo e comorbilità associate"


Draft copy - Per gentile concessione di Carocci Editore

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.