Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
13/04/2009

Sessualità in puerperio e igiene intima: il ruolo del ginecologo


Graziottin A. Rovei V.
Sessualità in puerperio e igiene intima: il ruolo del ginecologo
Graziottin A. (Guest Ed.), I disturbi sessuali femminili: quando il medico conta
Giornale Italiano di Ginecologia, Vol. XXVIII - n. 6, giugno 2006, p. 301-311

La vita sessuale della donna e della coppia cambia soprattutto dopo il primo figlio, e dipende da eventuali disturbi sessuali prima della gravidanza, dal tipo di parto (taglio cesareo, parto spontaneo o operativo, con o senza episiotomia o lacerazioni), dall’allattamento al seno. Le variabili influenzate sono il tempo intercorso tra il parto e la ripresa dei rapporti, nonché i parametri relativi a desiderio, eccitazione, orgasmo, dispareunia e dolore perineale.
L’igiene intima della donna nel post-partum svolge un ruolo importante nel riequilibrare la flora ed il pH vaginale.
L’estratto di Thymus vulgaris, utilizzato nell’igiene intima 1 o 2 volte/die per 4 settimane, riduce significativamente la presenza di sintomi vulvovaginali quali prurito, bruciore, edema, eritema, leucorrea. Questo si associa a significativo miglioramento del desiderio, dell’eccitazione e dell’orgasmo, e a significativa riduzione della dispareunia.

top


Allegati disponibili:
Full text dell'articolo


Per gentile concessione di CIC Edizioni Internazionali

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.