Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
25/11/2018

Papillomavirus: il fumo aumenta il rischio di lesioni precancerose e cancerose al collo dell'utero


Graziottin A.
Papillomavirus: il fumo aumenta il rischio di lesioni precancerose e cancerose al collo dell'utero
"Science News" - Segnalazioni e commenti on line su articoli scientifici di particolare interesse

Commento a:
Fang JH, Yu XM, Zhang SH, Yang Y.
Effect of smoking on high-grade cervical cancer in women on the basis of human papillomavirus infection studies
J Cancer Res Ther. 2018; 14 (Supplement): S184-S189. doi: 10.4103/0973-1482.179190

Valutare in che misura il fumo aumenti il rischio di sviluppare displasie CIN3 e CIN3+ al collo dell’utero nelle donne affette da Papillomavirus: è questo l’obiettivo dello studio condotto da J.H. Fang e collaboratori, del Dipartimento di Ostetricia del People’s Hospital di Chengyang, Shandong, Cina.
L’analisi è stata condotta su 7129 donne: di queste, 1531 classificate ad alto rischio sono state seguite per un periodo di 12 anni.
Questi, in sintesi, i risultati. La durata (più di otto anni) e la frequenza (almeno 18 sigarette al giorno) del fumo aumentano sensibilmente il rischio di lesioni CIN3 e CIN3+. Il fumo, in particolare, più che raddoppia il rischio di lesioni precancerose e cancerose al collo dell’utero indotte da HPV: da un lato, perché riduce la competenza immunitaria e aumenta la vulnerabilità alle infezioni; dall'altro perché le sostanze tossiche contenute nelle sigarette potenziano gli effetti cancerogeni dei ceppi HPV oncogeni.

top



FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.