Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
10/05/2010

La vestibolite vulvare: prospettive terapeutiche


Graziottin A. Giovannini N.
La vestibolite vulvare: prospettive terapeutiche
in: Benassi L. e Graziottin A. (a cura di), Vulvodinia e vestibolite vulvare, CIC Edizioni Internazionali, Roma, 51-60, 2005

Questo capitolo ha l’obiettivo di illustrare le opzioni terapeutiche oggi disponibili per la vestibolite vulvare. In particolare, viene presentato un modello d’intervento multifattoriale e multisistemico, ossia che affronta in parallelo sia la molteplicità di fattori causali, sia la complessità dei sistemi biologici coinvolti dal processo infiammatorio cronico.
Le strategie terapeutiche dovrebbero basarsi su un approccio di tipo fisiopatologico e non più solamente limitarsi alla cura del corteo sintomatologico. Gli aspetti fondamentali per una corretta terapia sono rappresentati dalla rimozione e del trattamento dei fattori agonisti come la modulazione dell’iperattività mastocitaria, il rilassamento muscolare e la cura del dolore. Le nuove acquisizioni sulla relazione tra l’iperattività mastocitaria, la proliferazione delle terminazioni nervose e il rilascio del Nerve Growth Factor dovrebbero indirizzare verso nuovi trattamenti conservativi, procrastinando un eventuale approccio chirurgico.

top



Allegati disponibili:
Full text del capitolo


Per gentile concessione di CIC Edizioni Internazionali

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.