Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
18/08/2008

La sessualità femminile nell'arco della vita


Graziottin A.
La sessualità femminile nell'arco della vita
Editoriale
Graziottin A. (Guest Ed.), La sessualità femminile nell'arco della vita, Giornale Italiano di Ginecologia, Vol. XXVIII - n. 4, aprile 2006, p. 133-135

La sessualità delle donne è multifattoriale: dipende da fattori biologici, psicosessuali e correlati al contesto, inteso sia come coppia, sia come ambiente socioculturale. Ed è multisistemica: nelle donne, come negli uomini, la sessualità è fortissimamente radicata nel biologico. Concetto chiaro negli uomini, mentre nelle donne per decenni l’attenzione quasi maniacale agli aspetti affettivi e relazionali ha a torto emarginato gli essenziali aspetti biologici: endocrini, vascolari, neurologici, specie correlati alla biologia del dolore, muscolari, metabolici, immunitari. Solo negli ultimi anni l’attenzione alla sessualità femminile ha conosciuto la sua rivoluzione copernicana. E il biologico – negletto per decenni – conosce ora il momento del suo trionfo. A maggior ragione è allora necessario trasmettere ai medici il senso e il passo veloce di queste conoscenze, la bellezza di questi orizzonti conoscitivi, che finalmente si aprono a una diversa pragmatica dell’intervento terapeutico.

top


Allegati disponibili:
Full text dell'articolo


Per gentile concessione di CIC Edizioni Internazionali

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.