Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
23/11/2009

La depressione post partum nelle mamme-adolescenti


Graziottin A.
La depressione post partum nelle mamme-adolescenti
Atti del Convegno Nazionale della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) su "Non lasciamole sole. Una rete di tutela contro la depressione post partum", Roma, 2 aprile 2008, Intermedia Editore, Brescia, 2008, p. 38-54

I disturbi dell’umore in puerperio - riportati all'attenzione dei media da recenti fatti di cronaca - presentano un’alta prevalenza nelle mamme adolescenti: ne soffre una su due. Riconoscono una genesi psiconeuroendocrina, scatenata dalla caduta degli estrogeni post-partum e dal distress adattativo alla nascita e ai cambiamenti che comporta per la giovane donna, che spesso è già in critiche situazioni psicoemotive e sociali. Sono drammaticamente sottodiagnosticati. Questa è una grandissima responsabilità ma anche uno stimolo forte nell’accrescere la nostra capacità di diagnosi precoce.
In questo articolo illustriamo in particolare:
- i dati relativi all'omissione diagnostica;
- i fattori predittivi di depressione post partum;
- i motivi che spingono la mamma adolescente a non chiedere aiuto;
- come diagnosticare e curare la depressione post partum;
- le conseguenze sul bambino di una depressione materna non curata.

top


Allegati disponibili:
Full text dell'articolo


Per gentile concessione della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) e di Intermedia Editore.

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.