Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
12/11/2017

Infezioni urinarie ricorrenti e disturbi sessuali femminili: uno studio italiano


Graziottin A.
Infezioni urinarie ricorrenti e disturbi sessuali femminili: uno studio italiano
"Science News" - Segnalazioni e commenti on line su articoli scientifici di particolare interesse

Commento a:
Boeri L, Capogrosso P, Ventimiglia E, Scano R, Graziottin A, Dehò F, Montanari E, Montorsi F, Salonia A.
Six out of ten women with recurrent urinary tract infections complain of distressful sexual dysfunction - A case-control study
Sci Rep. 2017 Mar 15; 7:44380. doi: 10.1038/srep44380

Accertare la prevalenza e i fattori predittivi di disfunzioni sessuali nelle donne colpite da infezioni non complicate ricorrenti del tratto urinario: è questo l’obiettivo dello studio coordinato da Andrea Salonia, dell’Unità di Urologia dell’Ospedale San Raffaele di Milano, e al quale ha partecipato la professoressa Alessandra Graziottin.
Le infezioni non complicate ricorrenti del tratto urinario (uncomplicated recurrent urinary tract infections, rUTIs) sono frequenti nelle donne in età fertile. Lo studio ha preso in considerazione 147 donne affette da rUTIs e 150 controlli sani, che hanno risposto ai quesiti dell’International Prostatic Symptoms Score (IPSS), del Female Sexual Function Index (FSFI) e della Female Sexual Distress Scale (SDS).
Questi i risultati emergenti dai dati raccolti:
- rispetto ai controlli, le donne affette da rUTIs hanno più bassi punteggi globali nel FSFI (p < 0.001) e una maggiore proporzione di valori patologici sia nel FSFI (78.9% vs. 21.4%; p < 0.001) che nella SDS (77.8% vs. 21.4%; p < 0.001);
- fra le donne affette da rUTIs, 88 (60%), 77 (52.2%) e 75 (51.1%) hanno rispettivamente dolore ai rapporti, secchezza vaginale e difficoltà di eccitazione; il 64%, inoltre, ha disturbi concomitanti con forte distress;
- l’età, il punteggio riportato nell’IPSS, 6 o più UTIs l’anno e una storia clinica di stipsi sono fattori predittivi indipendenti di punteggi patologici nel FSFI e nella SDS (p ≤ 0.05).

top



FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.