Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
24/11/2019

Il ruolo del microbiota intestinale nella patogenesi della demenza di Alzheimer


Graziottin A.
Il ruolo del microbiota intestinale nella patogenesi della demenza di Alzheimer
“Science News” - Segnalazioni e commenti on line su articoli scientifici di particolare interesse

Commento a:
Seo DO, Holtzman DM.
Gut microbiota: from the forgotten organ to a potential key player in the pathology of Alzheimer disease
J Gerontol A Biol Sci Med Sci. 2019 Nov 18. pii: glz262. doi: 10.1093/gerona/glz262. [Epub ahead of print]

Riepilogare ciò che oggi sappiamo sulle correlazioni fra microbiota intestinale e demenza di Alzheimer: è questo l’obiettivo dell’articolo di D.O. Seo e D.M. Holtzman, del Dipartimento di Neurologia presso la Washington University School of Medicine di St. Louis, USA.
I primi microrganismi unicellulari presenti nel corpo umano sono stati osservati dal naturalista olandese Antoni van Leewenhoeck, più di trecento anni fa. Tuttavia solo in anni recenti, dopo secoli di apparente oblio, abbiamo messo a fuoco la natura del microbiota intestinale e le sue interazioni con il nostro organismo, sviluppando compiutamente il concetto di ecosistema.
Oggi è noto che le alterazioni del microbiota sono implicate nella patogenesi di numerose patologie, anche in ambito neurologico: e fra queste la demenza di Alzheimer, attraverso meccanismi neuroinfiammatori e metabolici che stiamo imparando a conoscere sempre meglio. Queste conoscenze potrebbero aprire la strada, in un futuro non lontano, a nuove strategie diagnostiche e terapeutiche.

top



FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.