Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
26/03/2012

Il dolore sessuale femminile come area di interazione interprofessionale: il ginecologo


Graziottin A.
Il dolore sessuale femminile come area di interazione interprofessionale: il ginecologo
Testo della relazione presentata al Corso ECM su "La funzione erotica femminile", Dipartimento di Discipline Ginecologiche e Ostetriche dell'Università degli Studi di Torino, ASO OIRM - Sant'Anna, Fondazione Carlo Molo, Scuola Superiore di Sessuologia Clinica di Torino, Torino, 24 maggio 2008

Sono numerose le comorbilità associate nel dolore pelvico cronico: urogenitali, proctologiche, ginecologiche, sessuologiche, psicoemotive. Quale che sia il sintomo sessuale o urogenitale lamentato dalla donna, bisogna sempre indagare la comorbilità, per affrontare in modo efficace la diagnosi e la terapia del dolore pelvico cronico e sessuale.
Ne deriva quindi l’importanza di una dettagliata storia clinica anamnestica, con un diario del dolore accurato e centrato sul ciclo, di un accurato esame pelvico e genitale (mappa del dolore, vestibolite, ragadi, ipertono dell’elevatore) e di una valutazione del ruolo dell’infiammazione cronica nell’eziologia del dolore, con attenzione specifica ai complessi fattori che modulano la percezione del dolore. Quest’attenzione multisistemica facilita una diagnosi articolata, prerequisito per un trattamento appropriato della comorbilità fisica ed emozionale del dolore pelvico cronico nella donna.
Il ginecologo che approfondisca questi temi può quindi aumentare nettamente il suo “impact factor” clinico, ossia la sua capacità di cambiare in meglio la vita della donna, diagnosticando e curando il dolore viscerale e sessuale, ancora purtroppo così trascurati nella pratica clinica.

top


Allegati disponibili:
Full text della relazione


FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.