Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
segnala
16/04/2017

Gravidanza: come sono cambiate le donne negli ultimi 30 anni


Graziottin A.
Gravidanza: come sono cambiate le donne negli ultimi 30 anni
"Science News" - Segnalazioni e commenti on line su articoli scientifici di particolare interesse

Commento a:
Kingsbury AM, Gibbons K, McIntyre D, Tremellen A, Flenady V, Wilkinson S, Mamun A, Najman JM.
How have the lives of pregnant women changed in the last 30 years?
Women Birth. 2017 Feb 9. pii: S1871-5192(17)30042-2. doi: 10.1016/j.wombi.2017.01.008. [Epub ahead of print]

Accertare come sono cambiate le donne in stato di gravidanza negli ultimi 30 anni: è questo l’obiettivo dello studio osservazionale trasversale promosso dall’Australian College of Midwives e coordinato da Ann Kingsbury, della School of Public Health presso l’Univeristà del Queensland, a Herston, Australia.
La ricerca è stata condotta su due gruppi di donne gravide esaminate a 30 anni di distanza, in occasione della prima visita, presso il medesimo ospedale e con uno stesso questionario:
- gruppo A: 6.753 donne, studiate fra il 1981 e il 1984;
- gruppo B: 2.156 donne, studiate fra il 2011 e il 2012.
Questi, in sintesi, gli interessanti risultati. Rispetto agli anni Ottanta, le donne esaminate nel biennio 2011-2012:
- hanno un’età media più elevata;
- sono alla loro prima gestazione;
- sono più colte;
- non sono sposate;
- non fumano;
- hanno un indice di massa corporea più elevato;
- sono più ansiose;
- vivono una gravidanza desiderata.
Età, stili di vita, situazione di coppia, condizioni di salute sono dunque profondamente cambiati: lo studio dimostra che è importante monitorarli periodicamente per ottimizzare l’assistenza socio-sanitaria. Senza dubbio, la maggiore cultura media delle donne di oggi consente di programmare interventi di sensibilizzazione più efficaci che in passato.
Se la minore dipendenza dal fumo e la minore incidenza di gravidanze indesiderate rappresentano una tendenza positiva, da incoraggiare ulteriormente, i disturbi d’ansia e la tendenza al sovrappeso costituiscono un problema emergente da tenere in considerazione e di grande interesse per le ostetriche.

top



FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.