Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
27/07/2015

Fumo in gravidanza e peso del neonato: una correlazione pericolosa


Graziottin A.
Fumo in gravidanza e peso del neonato: una correlazione pericolosa
"Science News" - Segnalazioni e commenti on line su articoli scientifici di particolare interesse

Commento a:
Vila Candel R, Soriano-Vidal FJ, Hevilla Cucarella E, Castro-Sánchez E, Martin-Moreno JM.
Tobacco use in the third trimester of pregnancy and its relationship to birth weight. A prospective study in Spain
Women Birth. 2015 Jul 9. pii: S1871-5192(15)00058-X. doi: 10.1016/j.wombi.2015.06.003. [Epub ahead of print]

Verificare la percentuale di donne che fumano durante la gravidanza, e l’impatto del tabacco sul peso fetale: è questo l’obiettivo dello studio di R. Vila Candel e collaboratori, del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia presso l’Hospital Universitario de la Ribera a Valencia, Spagna. I ricercatori, inoltre, hanno cercato di individuare in quale trimestre di gestazione il fumo produca gli effetti più negativi sul peso alla nascita.
Lo studio prospettico osservazionale è stato condotto su 137 donne scelte a caso. Le abitudini di fumo sono state accertate con un questionario auto compilato.
Questi, in sintesi, i risultati:
- il 35% delle donne partecipanti fuma durante la gestazione;
- il 38.7% di queste smette solamente nel terzo trimestre;
- le donne che fumano anche nel terzo trimestre hanno un rischio molto più elevato di dare alla luce un bimbino di peso interiore ai tre chilogrammi rispetto alle non fumatrici (OR=5.94, CI 95%: 1.94-18.16);
- ogni ulteriore unità di tabacco fumata quotidianamente nel terzo trimestre porta a una riduzione di 32 grammi del peso alla nascita.
Dai dati emergono queste conclusioni:
- una consistente proporzione di donne spagnole fuma durante la gravidanza;
- di queste solo una parte smette nel corso della gestazione, e spesso troppo tardi rispetto ai danni riportati dal feto;
- le donne che fumano hanno bambini più piccoli alla nascita;
- il rischio più elevato in questo senso si registra fra le donne che fumano anche durante il terzo trimestre;
- tutto ciò evidenzia la necessità di un ulteriore sforzo d’informazione per far sì che le donne non inizino a fumare o, per lo meno, smettano prima della gravidanza.

top



FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.