Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
13/09/2010

Effetti delle terapie oncologiche sulla sfera sessuale: come tutelare la fertilità femminile - Prima parte


Graziottin A.
Effetti delle terapie oncologiche sulla sfera sessuale: come tutelare la fertilità femminile - Prima parte
Testo della Lettura tenuta al Corso ECM di aggiornamento in Oncologia Medica su “La gestione del paziente oncologico: effetti collaterali delle cure oncologiche e terapie di supporto”, organizzato dall'Istituto Nazionale Tumori "Fondazione G. Pascale", Napoli, 17-18 giugno 2010, Abstract Book, p. 42-45

Le terapie oncologiche possono colpire la donna a livello della sua identità sessuale, della funzione sessuale e della relazione di coppia. La relazione affronta due aspetti cruciali:
- prima parte: la sessualità dopo tumore alla mammella, il più frequente (dopo i tumori cutanei) e il più carico di valenze affettive, cosmetiche, erotiche e simboliche, che consente di illustrare in modo paradigmatico le diverse modalità con cui tumore in sé e terapie oncologiche possano variamente colpire la sessualità della donna e della coppia;
- seconda parte: la protezione della fertilità, tema emergente grazie alle nuove tecniche disponibili che possono ridare la speranza della maternità quando la cura del tumore sia esitata in pieno successo.

top


Allegati disponibili:
Full text della prima parte della lettura


FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.