Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
11/12/2016

Effetti dell’acido alfa-lipoico sull’infertilità maschile


Graziottin A. Guerra L.
Effetti dell’acido alfa-lipoico sull’infertilità maschile
"Science News" - Segnalazioni e commenti on line su articoli scientifici di particolare interesse

Commento a:
Haghighian HK, Haidari F, Mohammadi-Asl J, Dadfar M.
Randomized, triple-blind, placebo-controlled clinical trial examining the effects of alpha-lipoic acid supplement on the spermatogram and seminal oxidative stress in infertile men
Fertil Steril. 2015 Aug; 104(2): 318-24. doi: 10.1016/j.fertnstert.2015.05.014

Un nuovo studio sull’infertilità maschile apre prospettive terapeutiche interessanti per la gestione di un problema sempre più diffuso: è il lavoro di Hossein Khadem Haghighian e collaboratori, della Ahvaz Jundishapur University of Medical Sciences, Iran.
In base a quanto riportato dall’Istituto Superiore di Sanità (Registro Nazionale Procreazione Medicalmente Assistita), l’infertilità riguarda circa il 15% delle coppie italiane. Tra queste, nel 35% dei casi la causa è maschile. La fertilità maschile ha subito una significativa riduzione negli ultimi decenni. Alcuni studi indicano che la percentuale di milioni di spermatozoi per millilitro si sarebbe quasi dimezzata negli ultimi 50 anni.
Le cause dell’infertilità sono numerose e di diversa natura. Per alcune di esse, le più diffuse, si può intervenire con terapie farmacologiche, mentre per altre è necessario ricorrere alla procreazione medicalmente assistita.
Oltre alle patologie che in modo specifico causano infertilità (criptorchidismo, ipospadia, varicocele), sono stati identificati alcuni fattori di rischio che comprendono condizioni ambientali (esposizione a sostanze inquinanti, tossiche o a radiazioni) e stili di vita. Sono stati identificati anche fattori genetici che predispongono allo sviluppo di tale problema.
Gli effetti protettivi degli antiossidanti sulla fertilità sia maschile sia femminile sono studiati da anni. In particolare, alcuni studi su modello animale di infertilità maschile hanno dimostrato effetti positivi della somministrazione di un antiossidante, l’acido alfa-lipoico (ALA). Lo studio che qui descriviamo rappresenta la prima evidenza di efficacia clinica dell’acido alfa-lipoico sull’infertilità maschile.
Obiettivo dello studio: valutare gli effetti del trattamento con acido alfa-lipoico (ALA) sullo spermatogramma e i marker di stress ossidativo nel fluido seminale in pazienti con astenoteratospermia.
Disegno dello studio: studio randomizzato in triplo cieco e controllato verso placebo in pazienti infertili afferenti a cliniche per il trattamento dell’infertilità.
Trattamento: i pazienti sono stati trattati con ALA (600 mg) per via orale o placebo per 12 settimane.
Risultati: nello studio sono stati arruolati 48 pazienti, di cui 24 trattati con ALA 600 mg/die e 24 trattati con placebo. Al termine del trattamento si è osservato un miglioramento significativo della conta spermatica, della concentrazione dello sperma e della motilità degli spermatozoi nel gruppo trattato con ALA. Il miglioramento è risultato significativo sia rispetto alla condizione basale (pre-trattamento) sia rispetto ai pazienti trattati con placebo. Non è stata invece osservata una variazione rilevante del volume dell’eiaculato, della percentuale a morfologia normale e della vitalità degli spermatozoi.
La supplementazione con ALA ha inoltre ridotto in modo significativo lo stress ossidativo a livello del liquido seminale.
Conclusioni: i risultati di questo studio suggeriscono che il trattamento con ALA 600 mg/die possa migliorare la qualità dello sperma in uomini infertili affetti da astenoteratospermia.

top



FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.