Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
10/11/2008

Disfunzioni genito-sessuali femminili: disturbi dell’eccitazione


Graziottin A.
Disfunzioni genito-sessuali femminili: disturbi dell’eccitazione
in: Paolo Di Benedetto (a cura di), Riabilitazione uro-ginecologica, II Edizione, Edizioni Minerva Medica, Torino, 61-68, 2004

I disturbi dell’eccitazione sessuale femminile costituiscono un campo ancora poco esplorato, che merita piena attenzione clinica. Una diagnosi accurata è essenziale per un trattamento orientato in senso fisiopatologico, così da ripristinare in modo soddisfacente una sessualità altrimenti lesa in modo irreversibile, soprattutto quando siano in gioco fattori endocrini principe, quali la carenza di estrogeni e/o di androgeni.
Il risultato più soddisfacente si ottiene quanto il medico è in grado di indirizzare correttamente la complessità etiologica dei disturbi sessuali femminili e di effettuare una diagnosi davvero multifattoriale e multisistemica. In tal modo potrà indirizzare in modo articolato la terapia, con attenzione a modificare e curare i molteplici fattori biologici, psicosessuali e relazionali che concorrono alla genesi dei disturbi sessuali femminili.

top


Allegati disponibili:
Full text del capitolo


Per gentile concessione di Edizioni Minerva Medica

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.