Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
16/03/2009

Contraccezione d’emergenza. Tutto quello che le donne – e le coppie – vogliono sapere


Graziottin A.
Contraccezione d’emergenza. Tutto quello che le donne – e le coppie – vogliono sapere
in: AA. VV., Acrobate - A 50 anni dalla pillola anticoncezionale, 40 dalla rivoluzione sessuale e 30 dalla legge 194, Prefazione e approfondimenti di Alessandra Graziottin, Intermedia, Brescia, 2009, p. 148-153

La contraccezione d’emergenza è una realtà in rapida crescita in Italia. Presenta il pregio di un’azione eminentemente contraccettiva, di alta efficacia, che aiuta a prevenire le gravidanze indesiderate e quindi a ridurre le interruzioni volontarie di gravidanza. Tuttavia, il massiccio ricorso a questa metodica va letto come un semaforo rosso sulla strada dell’educazione contraccettiva e dell’autoprotezione.
È indispensabile un maggiore impegno educativo nei confronti di giovani e adolescenti, maschi e femmine, per aumentare il ricorso ad una più efficace contraccezione ormonale (pillola, cerotto o anello vaginale) e al parallelo uso del profilattico. Così da ottimizzare l’autoprotezione sul fronte procreativo e della salute generale e sessuale, e aumentare la consapevolezza etica sui propri comportamenti e le loro conseguenze.

top


Allegati disponibili:
Full text del capitolo


Per gentile concessione della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) e di Intermedia Editore

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.