Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
16/02/2020

Avversità infantili e deficit cognitivo: una correlazione significativa


Graziottin A.
Avversità infantili e deficit cognitivo: una correlazione significativa
“Science News” - Segnalazioni e commenti on line su articoli scientifici di particolare interesse

Commento a:
Holland JF, Khandaker GM, Dauvermann MR, Morris D, Zammit S, Donohoe G.
Effects of early life adversity on immune function and cognitive performance: results from the ALSPAC cohort
Soc Psychiatry Psychiatr Epidemiol. 2020 Jan 2. doi: 10.1007/s00127-019-01813-8. [Epub ahead of print]

Valutare se sussista una correlazione fra avversità infantili e sviluppo cognitivo, e se tale correlazione sia influenzata da meccanismi di natura infiammatoria: è questo l’obiettivo dello studio coordinato da Jessica F. Holland ed espressione – fra gli altri – del «Centre for neuroimaging, cognition and genomics» presso la National University of Ireland a Galway, Irlanda, e del dipartimento di Psichiatria dell’Università di Cambridge, Regno Unito.
Per “avversità infantile” si intende ogni evento che possa provocare un grave stress cronico nei primi cinque anni di vita: abusi fisici e sessuali, percosse, educazione troppo severa, catastrofi naturali, povertà, trascuratezza.
Lo studio è stato condotto su dati epidemiologici relativi a circa 5000 soggetti e desunti dall’«Avon longitudinal study of parents and children» (ALSPAC). La performance cognitiva è stata valutata attraverso il quoziente d’intelligenza; il quadro infiammatorio è stata apprezzato misurando i livelli di proteina C-reattiva e interleuchina 6.
Questi, in sintesi, i risultati:
- è stata osservata una significativa correlazione fra basso QI e maltrattamenti familiari;
- il deficit cognitivo correla a sua volta con elevati livelli di infiammazione;
- dai dati, tuttavia, non emerge in modo sicuro se sia proprio l’infiammazione il fattore di collegamento tra gli eventi avversi e il deficit cognitivo;
- gli Autori illustrano quindi altri meccanismi che potrebbero spiegare la correlazione.

top



FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.