Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin

News

Alessandra Graziottin: l'appuntamento del martedì su Telecolor


Martedì 16 gennaio, alle 20:30, la professoressa Graziottin terrà su Telecolor la rubrica "Salute, i segreti del corpo".

L'argomento di questa puntata è "Donne, HIV e sessualità".

La trasmissione può essere vista sul canale 18 del digitale terrestre e, in streaming, su telecolor.net.

Alessandra Graziottin al XII International Congress of Reproductive Medicine di Mosca


Dal 16 al 18 gennaio la professoressa Graziottin prenderà parte al XII International Congress of Reproductive Medicine, organizzato a Mosca, con due letture su "Recurrent vaginitis and cystitis and pathogenic biofilms" (Expert's School) e "Physical exercise after menopause: biological health benefits".

Alessandra Graziottin al corso universitario elettivo su "Le malattie digestive funzionali" di Bologna


Lunedì 18 dicembre la professoressa Graziottin è intervenuta al corso universitario elettivo su "Le malattie digestive funzionali", organizzato dall'Università di Bologna, con una lezione su "Comorbilità uro-ginecologiche e sessuali nella sindrome dell'intestino irritabile".

Alessandra Graziottin al seminario nazionale "HIV in her voice"


Mercoledì 6 dicembre la professoressa Graziottin ha partecipato al seminario nazionale "HIV in her voice", organizzato a Milano dal Women Infectivology Network (WIN), con una lettura su "Donne, HIV e sessualità".

La professoressa Graziottin al 25th World Congress on Controversies in Obstetrics, Gynecology & Infertility


Dal 1° al 2 dicembre Alessandra Graziottin ha partecipato al 25th World Congress on Controversies in Obstetrics, Gynecology & Infertility (COGI), organizzato a Vienna.

La professoressa ha co-presieduto la sessione su "Obesity is an independent risk factor of menopause" e ha tenuto quattro letture:
- Non-hormonal options to treat vaginal atrophy: a pathophysiologic perspective
- Exercising during and after menopause: biological benefits to increase longevity in health
- Vaginal application of sex steroids: the future in women’s health?
- OCs and sexual dysfunction

Alessandra Graziottin al corso ECM su "Approccio multimodale alla paziente con candida: terapia e prevenzione" di Milano


Lunedì 27 dicembre la professoressa Graziottin ha preso parte al corso ECM su "Approccio multimodale alla paziente con candida: terapia e prevenzione", organizzato a Milano, con due letture: "Approccio terapeutico multimodale alla paziente con candida" e "Prevenzione delle recidive nelle infezioni da candida".

La professoressa Graziottin al corso universitario di Clinica Medica e Terapia Medica di Bologna


Lunedì 13 novembre, Alessandra Graziottin è intervenuta al corso universitario di Clinica Medica e Terapia Medica di Bologna con una lettura magistrale su "Dolore pelvico extra-intestinale: un caso clinico".

"Vulvar pain: from childhood to old age" Il nuovo libro di Alessandra Graziottin e Filippo Murina


E' recentemente uscito nelle librerie internazionali e on line “Vulvar pain: from childhood to old age”, scritto da Alessandra Graziottin e Filippo Murina, Springer Editore.

La vulva, l’organo che costituisce i genitali esterni femminili, è uno dei più trascurati in ambito medico. I sintomi che la riguardano sono poco riferiti al medico, perché «troppo intimi per parlarne». Quando succede, sono riferiti tardivamente, perché sono diventati davvero invalidanti.

In più, i medici diagnosticano poco i sintomi vulvari e li trattano ancor meno. Negli ultimi vent’anni è aumentata tuttavia la consapevolezza di un disturbo “misterioso”, che colpisce i genitali esterni femminili, a livello dell’entrata vaginale: un disturbo chiamato “vestibolite vulvare” e ora “vestibolodinia provocata”. La causa è un dolore neuropatico, ossia diventato malattia in sé.

Sfortunatamente, oggi qualunque dolore vulvare è chiamato “vulvodinia”: fortunatamente non è così. Non è solo questione di “nomi” o di mode. Il dolore vulvare può essere acuto, cronico e neuropatico. Se diagnosticato e curato in fase acuta e perfino cronica, non diventa mai neuropatico. Ecco perché è così importante aumentare la consapevolezza dei medici sulle diverse forme di dolore vulvare dall’infanzia in poi: per curarle presto e bene, prevenendone la progressione fino all’invalidante vestibolodinia/vulvodinia.

Il problema è importante e urgente. Il dolore vulvare è raro? No! Interessa il 12-15% delle donne, un numero enorme, con importanti comorbilità: cistiti ricorrenti, specialmente dopo il rapporto, sindrome dell’intestino irritabile, endometriosi, cefalea, sindrome fibromialgica. E’ un problema frequente che ogni ginecologo, ogni medico di famiglia vede quotidianamente. Ecco perché questo libro è necessario.

In breve, abbiamo un sogno: aumentare la competenza dei medici nel diagnosticare il dolore vulvare e le sue comorbilità. Tanto prima, tanto meglio. Le donne, e le loro famiglie, ne saranno molto grate.

Perché una donna più sana e più felice è un regalo: a lei stessa, alla sua famiglia, alla nostra società.

Alessandra Graziottin e Filippo Murina

5 per mille e donazioni on line alla Fondazione Alessandra Graziottin (codice fiscale: 06082920965): ecco come fare


Il codice fiscale della Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus per la destinazione del 5 per mille è: 06082920965.

Sul sito della Fondazione è disponibile anche un form per effettuare donazioni, e aiutarci così nella nostra attività a favore delle donne e della loro salute.

Per accedere al form, basta cliccare sulla voce “Donazioni” del menu “Fondazione” posta a sinistra della pagina. La compilazione del form è agevolata dalla “Guida alla donazione” e dalla “Guida ai vantaggi fiscali”.

Ricordiamo che le donazioni effettuate alla nostra Fondazione godono dei seguenti vantaggi fiscali:
per le persone fisiche:
- la donazione è deducibile dal reddito dichiarato fino al 10% del reddito dichiarato stesso e comunque fino a € 70.000,00 (art. 14 del Decreto Legge 35/2005 convertito in legge n. 80 del 2005);
oppure
- la donazione è detraibile dall’imposta lorda ai fini IRPEF per un importo pari al 26% della donazione stessa, sino a un valore massimo di € 30.000,00 (art 15, c. 1.1 del D.P.R. 917/1986);
per le società:
- l’erogazione è deducibile dal reddito dichiarato fino al 10% del reddito dichiarato stesso e comunque fino a € 70.000,00 (art. 14 del Decreto Legge 35/2005 convertito in legge n. 80 del 2005);
oppure
- l’erogazione è deducibile per un importo non superiore a € 30.000,00 o al 2% del reddito d’impresa dichiarato (art. 100, c. 2 lettera h), del D.P.R. 917/1986).

Le due agevolazioni sono fra loro alternative.

Per fruirne, le erogazioni liberali devono essere effettuate con versamento bancario (bonifico) o postale, o con carte di debito, carte di credito, carte prepagate, assegni bancari e circolari. Per le erogazioni liberali effettuate con carte di credito è sufficiente la tenuta o l'esibizione, in caso di eventuale richiesta dell'Amministrazione Finanziaria, dell'estratto conto della società che gestisce la carta. Per le erogazioni effettuate con gli altri mezzi occorre conservare il documento che comprova l'effettuazione del versamento (contabile bancaria di bonifico, ecc.). La Fondazione trasmetterà comunque mail di conferma dell'erogazione ricevuta.

Grazie al vostro aiuto, la Fondazione Alessandra Graziottin potrà perseguire con sempre maggiore efficacia i propri obiettivi istituzionali:
a) sviluppare la cultura del dolore in Italia e in ambito internazionale, a livello scientifico, clinico e divulgativo;
b) incrementare l’attenzione diagnostica e terapeutica al dolore e alle sindromi caratterizzate da dolore, al fine di aumentare significativamente il numero di persone malate che possano beneficiare di terapie antalgiche efficaci;
c) formare personale medico e paramedico accreditato nella terapia del dolore nella donna, nelle sue diverse declinazioni specialistiche.

Ringraziamo sin d’ora tutti coloro che vorranno sostenerci in questa importante missione etica e scientifica.

© 2018 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.