Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
stampa
04/06/2012

Amori estivi: emozionanti, ma attenti ai rischi!


Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Genitori, se avete figli adolescenti, attenzione: parlate chiaro sui rischi degli amori e delle avventure estive. E parlate con concretezza e serenità di autoprotezione, con contraccezione ormonale e profilattico. Per non trovarvi con conseguenze spiacevoli se non drammatiche sul fronte della salute fisica, emotiva e affettiva dei vostri figli. E’ vero: l’anno è stato pesante e minaccioso, su più fronti. All’arrivo delle vacanze è ancora più forte il bisogno di emozioni e di felicità. Di vivere momenti indimenticabili, di amore e di passione. Ed è fortissimo il bisogno di lasciarsi andare all’avventura.
Il 56% dei ragazzi italiani, intervistati in un recente sondaggio condotto su 1163 ragazzi rappresentativi del nostro Paese, dice di aver avuto il primo rapporto nei mesi estivi: in un trimestre, più che negli altri nove mesi dell’anno. Il 64% dei giovani ritiene che durante l’estate avrà almeno un rapporto occasionale, ma solo il 34% porterà con sé il profilattico. «Mio figlio è ancora giovane – dirà qualche genitore – E’ ancora presto!». In realtà, il 32% dei nostri ragazzi ha avuto il primo rapporto a quindici anni o meno, il 18% a sedici: quindi già il 50% ha avuto esperienze sessuali complete entro i 16 anni. E il 19% ha già avuto più di sei partner. Il rischio di contrarre malattie sessualmente trasmesse è evidente.
Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, tra i maschi affetti da una malattia sessualmente trasmessa, uno su tre ha i condilomi genitali (verruche veneree), uno su cinque un’uretrite batterica, uno su dieci la chlamydia (pericolosa per la fertilità, soprattutto della donna cui venga trasmessa) e l’herpes. Tra le donne affette da malattia sessualmente trasmessa, una su due ha vaginiti, una su cinque ha i condilomi, con un picco tra giovani e giovanissime. Il 75% delle infezioni da Papillomavirus, che causano i condilomi ma anche lesioni precancerose e tumorali dei genitali femminili, dell’ano e della bocca, colpisce i giovani tra i 15 e i 24 anni, sia per l’elevata promiscuità, sia per la maggiore vulnerabilità dell’apparato genitale femminile all’aggressione di questi virus. In autunno, la richiesta di visite ginecologiche per vulvovaginiti, spesso dovute a malattie trasmesse sessualmente, aumenta del 30%. Non basta: in Italia, nei mesi estivi, il ricorso alla contraccezione d’emergenza aumenta del 12%. Ben il 24% delle giovani intervistate dichiara di averla utilizzata almeno una volta.
L’estate si presenta quindi come la stagione dell’iniziazione sessuale, dei primi rapporti, dei primi amori, ma anche la stagione della massima vulnerabilità sul fronte della salute. Ecco perché è necessario che i genitori parlino con chiarezza ai propri figli: le mamme con le figlie, di contraccezione ormonale (pillola, cerotto, anello o impianto sottocutaneo), raccomandando l’uso parallelo del profilattico: da usare sempre, fin dall’inizio del rapporto, in ogni forma di rapporto. I padri dovrebbero parlare con i figli maschi sulla necessità di usare sempre il profilattico: per la loro salute, e per educarli ad un maggior senso di responsabilità anche sul fronte sessuale. Per genitori e figli, motivati a saperne di più, è utile visitare il sito Scegli tu, della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia.
«Se ne parlo – teme qualche genitore – non è che di fatto autorizzo a vivere una sessualità troppo precoce?». No: parlarne serve a far capire che il genitore è attento e presente, che conosce il bisogno di emozioni ma anche i rischi, e vuol condividere con i propri figli alcuni principi essenziali. E’ poi indispensabile parlare di autoprotezione anche sul fronte dell’alcol, più pericoloso ancora per le ragazze: già due bicchieri di vino o birra disinibiscono troppo, aumentando il rischio di rapporti non desiderati, promiscuità, abusi individuali e a volte di gruppo, oltre che di incidenti stradali. Parlare è necessario, perché l’estate sia una magnifica stagione, di emozioni e scoperte, anche in amore: ma senza esperienze amare nel corpo e nell’anima.

top

Parole chiave:
Adolescenti e giovani - Malattie sessualmente trasmesse - Profilattico - Vacanze

stampa

© 2012 - Il Gazzettino

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.