EN

Intolleranze alimentari – Parte 3: alcuni consigli importanti per la salute dell'osso e la gravidanza

Intolleranze alimentari – Parte 3: alcuni consigli importanti per la salute dell'osso e la gravidanza

03/02/2011

Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

Sintesi del video e punti chiave

Molte donne, che magari non sanno di essere affette da intolleranza al lattosio, notano come – dopo ogni pasto un po’ più ricco di formaggi – i disturbi intestinali di cui soffrono tendano a peggiorare. E finiscono così per eliminare dalla loro alimentazione ogni tipo di latticino, imponendosi una dieta arbitraria e sbilanciata che può danneggiare seriamente la salute.
Che cosa si deve fare quando, a causa di un’intolleranza al lattosio, non si possono bere latte o mangiare formaggi? E’ vero che in gravidanza la cautela deve essere ancora maggiore?
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- i disturbi intestinali provocati dall’intolleranza al lattosio;
- quali rischi si corrono eliminando completamente i prodotti a base di latte dalla dieta quotidiana;
- i rischi specifici legati al riassorbimento dell’osso in gravidanza;
- perché, in particolare, la carenza di calcio nella madre può tradursi in un elevato rischio di malformazioni per il bambino;
- l’importanza, in tutti questi casi, di integrare il calcio che non viene più assunto attraverso i latticini;
- la dose giornaliera consigliata, in condizioni normali e durante la gestazione.

Parole chiave:
Allergie e intolleranze Calcio Gravidanza

Iscriviti alla newsletter