Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
stampa
15/09/2010

Non gli piace baciarmi: perché?


Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


“Ho 47 anni e un nuovo compagno di 58. Andiamo molto d’accordo, perché è intelligente e divertente. Purtroppo lui è piuttosto freddo dal punto di vista sessuale, e, doppio purtroppo, non gli piace baciare. Io ne soffro perché mi sento rifiutata. Gliene ho parlato più volte, ma lui dice che baciare non è tra le cose che preferisce, mentre io la considero la cosa più eccitante e intima tra due persone che si amano. A volte per la rabbia vorrei lasciarlo perché i suoi rifiuti mi amareggiano. Ma non vorrei tornare sola...”.
Ariella F. (Trento)

top

La questione è delicata, gentile Ariella, e non è facile da affrontare. E’ vero: il bacio è l’espressione più intima tra due persone che si amano. Per una donna, più forse ancora che per l’uomo, è la via più appagante per abbandonarsi profondamente all’amore, in senso fisico oltre che emotivo. Non a caso il bacio è uno dei momenti più magici di quell’esplorazione misteriosa che scatta con l’innamoramento.

top

Perché alcuni non amano baciare?

La “resistenza” al bacio indica una barriera profonda, emotiva e fisica, più che razionale, a questa forma di intimità. Le cause potrebbero essere fisiche: non gli piace il gusto dei suoi baci, o il modo con cui vi baciate. Oppure emotive: in un rapporto molto affettuoso, il bacio potrebbe essere avvertito come un elemento di perdita di tensione erotica, invece che di aumento (come è per lei). Evitarlo è un modo, più o meno inconscio, di mantenere la concentrazione, il ritmo interiore, quella musica dei gesti che dà al suo compagno sicurezza e soddisfazione. Un cambiamento come questo, ossia il baciare, che può sembrare piccolo, potrebbe essere vissuto come molto minaccioso a livello simbolico, e per questo essere evitato.
D’altra parte, chiedere o, peggio, esigere che l’altro/a ci baci è inconcludente e controproducente. E’ sbagliato, proprio dal punto di vista comunicativo, richiedere che l’altro faccia “spontaneamente” una cosa che proprio non gli piace, e per di più in un contesto emotivo e istintivo qual è quello sessuale. Dal punto di vista comunicativo, questa è una richiesta “paradossale”, che non può intrinsecamente essere soddisfatta: se si è spontanei, non si può eseguire un ordine, quale esso sia. Se si esegue un ordine, non si è più spontanei. Non è questione da strizzacervelli. Ma è difficile cambiare un comportamento istintivo, qual è il modo di far l’amore, soprattutto in alcuni capisaldi espressivi, qual è il bacio.
Scartata quindi la via della richiesta specifica, che lei ha già fatto e che si è rivelata inefficace, restano due altre possibilità. Comprendere le cause di questa resistenza. Via possibile, se il suo compagno è disposto a mettersi in discussione su questo fronte (ma potrebbe anche dire, come fa, che è un suo pieno diritto mostrare delle preferenze, se per il resto è un compagno positivo). O accettarlo così com’è. Una mediazione pragmatica sarebbe un po’ di disponibilità a qualche bacio in più, da parte di lui, e di accettazione delle differenze che sempre ci sono nel modo di far l’amore, da parte di lei. A meno che quel blocco dei baci non sollevi altre ansie, che lei avverte ma cui non ha ancora dato un nome...

top

Prevenire e curare – Perché il bacio è così importante?

Dal punto di vista fisico:
- la bocca è ricca di recettori per i feromoni, sostanze sessualmente eccitanti che avvertiamo in modo subliminale per via olfattiva (quando amiamo l’odore dell’altro) e, appunto, gustativa. Non a caso olfatto e gusto sono due sensi chimici che utilizzano le stesse modalità di comunicazione biologica;
- la saliva dell’uomo contiene testosterone in alte quantità e quest’ormone è eccitante anche per la donna.
Dal punto di vista emotivo:
- il bacio consente contemporaneamente un’alta eccitazione mentale e fisica e un più rapido abbandono all’altro;
- stimola la produzione di ossitocina, il neurormone che “scrive” nel nostro cervello il nome della persona amata, che ci rende in quel momento felici… anche con un bacio.

top

Parole chiave:
Bacio - Rapporto di coppia

stampa

© 2010 - RCS Periodici

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.